Track day: Istruzioni utili per te

GIRARE IN PISTA – Mi piacerebbe ma ho paura – Parliamone

Ti sei sempre domandato cosa si prova in pista ma la tua paura è di spaccare l’auto o farti male?
Hai paura che ti vengano addosso?
Non ho l’auto giusta?

Un track day è una cosa emozionante, l’ebrezza di girare in pista come chi fa le gare, poter tagliare le curve senza che qualcuno ti venga contro, non rispettare le regole della strada ordinaria.

Insomma… almeno una volta è da provare e probabilmente dopo vorrai rifarlo!

Però devi sapere alcune cose importanti, per te, per divertiti di più e per la tua sicurezza.

Ecco che vi veniamo in soccorso, soprattutto se è la prima volta.

Entrare in pista, inoltre, non significa dover possedere per forza un’auto potente, lo si può fare anche con un’auto utilitaria o un Suv (non tutte le piste li accettano ma molte si), e salvo entrare nel circuito di Monza dove il rettilineo è un’autostrada che non finisce mai, ci sono tanti circuiti che sono divertenti e adatti a qualsiasi auto.

Un esempio? Il nurburgring lo girano tutti, dall’auto potente al camioncino del corriere, guardate i video se non ci credete!

ANDARE PER GRADI

La regola principale, che vale per qualunque nuova esperienza, è andare per gradi.
Non si tratta di una competizione e non è necessario dimostrare niente a nessuno.
Troppe teste calde seminano il panico e mettono a rischio gli altri.
In un trackday partecipano appassionati di ogni livello, alcuni dei quali potrebbero non comportarsi come ci si aspetta.

Inoltre l’auto serve per tornare anche a casa, quindi non abbiate paura di tirarla un pò ma non esagerate, cambiate marcia e guidate senza ucciderla, tra l’altro oltre un certo limite l’auto non regala più emozioni, quindi imparate a sfruttarla fino là dove serve, non dove non serve.

Un’auto di serie ha un limitatore, quello è il punto che non deve superare per la salute del motore, se è elaborata e il limitatore è stato tolto fate attenzione a non superare la zona rossa.

BANDIERE DI SEGNALAZIONE

La circolazione in pista, è regolata dalle consuete bandiere di segnalazione dai commissari di gara ai quali bisogna obbedire ciecamente.
Le troverete alla fine dell’articolo con una spiegazione approfondita.

LA PISTA NON E’ LA STRADA: Prendere le misure

La pista è diversa dalla strada: non è stretta ma ci si ritrova all’interno di una larga carreggiata con i cordoli.
C’è chi si sente immediatamente a suo agio e chi appoggia appena il piede sul gas per l’emozione, ma comunque sia, la regola base è prendere le misure.
Aumenta il ritmo solo dopo aver preso dimestichezza con il circuito, mantenendo un’andatura regolare, senza chiedere troppo a se stessi e all’auto.
Inoltre la strada è tutta vostra, non solo metà.

SI PARTE………

Se è la prima volta o non sei sicuro … fai passare avanti tutti, non preoccuparti della velocità o se “perdi” il gruppo: stai imparando.

Nessuno nasce imparato, fai conoscenza della pista e della macchina e non preoccuparti di cosa pensano gli altri.

Inizia ad accelerare e comincia a sentire il limitatore.

Non esagerare subito: i primi giri servono appunto per conoscere la pista e scaldare le gomme.

Prendi gradualmente la frenata aumentando la tua conoscenza e percezione.
Prendi per ogni curva un riferimento visivo come un cartello o una cosa che attiri la tua attenzione e cerca se possibile di premere il pedale prima durante e dopo questo riferimento.

Fai pratica, rilassati, divertiti, anche se sei in pista non fare passi più grandi dell’auto.

A questo punto i tuoi compagni di turno ti dovrebbero aver avvicinato.

Occhio agli specchietti, sempre, sempre!

Se vedi che altri son più veloci e stanno arrivandoti dietro… falli passare o potrebbero passarti loro di forza.

Quando ti senti meno legato puoi mirare l’ultimo, tieniti ad una distanza di 30-40 metri in modo da non infastidirlo troppo mantenendo una certa sicurezza e prova a seguirlo, se ti viene bene continui, altrimenti riprendi la conoscenza dell’auto e del tracciato e lo lasci andar via.

FRENI: non sono da pista, quindi attenzione

Ricorda che i freni sono da auto stradale, possono surriscaldarsi.

Prendi un pò di tempo per raffreddarli, ma quando esci non ti venga in mente di buttarci acqua, li rovineresti!
Se li usi molto potresti sentire che non frenano più bene, quindi rallenta!

Guarda un pò la pista ad andatura “nonna” girando abbastanza veloce ma facendo in modo da non toccarli se non per l’indispensabile… l’aria li raffredderà.
Quando senti che il freno ha riacquistato consistenza riparti a spingere.

L’ultimo giro prima di uscire serve per raffreddamento, andrete tutti molto piano.

Le traiettorie

Oltre all’auto davanti ci sono spesso le strisce nere lasciate dalle gomme per terra.

In linea generale cerca di allargare verso l’esterno e tagliare la curva all’interno.
Cerca di arrivare al centro quasi a toccare il cordolo interno.
Subito dopo allarga facendo scorrere l’auto fino all’estremo opposto della pista, un pò come fanno le F1 alla TV… ma riparleremo di questo più avanti.

COMPORTAMENTO: SE QUALCUNO TI ARRIVA DIETRO…

Mi raccomando: se vedi uno dietro che vuol superare non ti spostare all’improvviso per farlo passare.

Se è più veloce fai la tua andatura, senza fare zig zag o cose simili, sarà lui a superarti quando lo riterrà opportuno.

Non cercare di facilitarlo spostandoti all’improvviso dall’altra parte, rischieresti di ottenere risultati controproducenti.

Ricorda bene: non c’è un destra o sinistra in pista!

Guarda spesso lo specchietto e se vuoi lasciar sorpassare qualcuno rimani nella tua traiettoria ma metti le 4 frecce in modo che lui capisca che vai più piano e che può superarti.

Se ritieni che ci sia lo spazio di sicurezza e vedi che lui si è già spostato in sorpasso puoi rallentare leggermente, senza frenare e facilitargli la cosa senza rischiare che ti tamponi.

Quindi attenzione agli specchietti.

Se sei nel mezzo alla pista e vedi arrivare dietro qualcuno lascia strada indicando dove stai andando con la freccia (esempio se dai strada spostandoti a destra, metti la freccia a destra)

COME SI FANNO LE CURVE e COME SI FRENA?

Imparare a frenare. Invece che frenare sempre di più quando stai curvando, meglio andare il più velocemente possibile per poi frenare altrettanto velocemente.

Questo non significa pestare sul pedale al punto di cappottare (un errore comune), ma vuol dire sapere quando frenare all’ultimo momento.

La frenata può essere praticata quotidianamente sulle rampe di uscita da autostrade e superstrade, ecc…

Di solito si frena evitando l’inchiodata.

Con l’ABS, basta semplicemente toccare i freni ma suggerisco di imparare quanto la tua auto riesce a frenare migliorando curva dopo curva la sensibilità di frenata della tua auto.

Rallentare la macchina alla velocità necessaria per riuscire a curvare mantenendo la vettura in asse è una cosa che otterrai con i giri divertendovi.

Una volta frenato con forza scala la marcia e usa anche il freno motore all’ultimo tratto… avrete quindi il motore pronto a riprendere.

Inizia la curva iniziando ad accelerare leggermente per poi affondare gradualmente mentre fai la curva finendo l’uscita a tavoletta.

Non entrare di forza o scomposto, meglio rallentare di più se vedi che non la fai al top… e soprattutto non rischiare di tamponare chi avete davanti.

ATTENZIONE: guarda chi è davanti, se è un’auto di categoria superiore alla tua forse ha un potere di frenata superiore, quindi non stargli troppo sotto perchè potresti non frenare allo stesso modo e tamponarlo.

Facciamo un esempio di impostazione frenata e curva

Arriva in fondo al rettilineo…

  • frenata tutto di freni per far perdere tanta velocità all’auto,
  • scalare una o più marce e aggiungere anche il freno motore.
  • inserirsi  in curva prendendola dall’esterno verso l’interno, tagliandola quanto possibile.
  • Quando inizi la curva devi essere in trazione con già un po’ di gas
  • a metà curva inizia a dare tanto gas
  • a ¾ di curva dai giù tutto, quando sei già in uscita.

In questo modo l’auto scorrerà nella curva e probabilmente se hai i controlli di stabilità attivi avrai un po’ di sottosterzo, mentre se esageri troppo con un’auto a trazione posteriori probabilmente avrai un pò di sovrasterzo corretto dai sistemi di stabilità.

Cosa significa Sottosterzo o Sovrasterzo?

Il sottosterzo porta l’auto ad allargare la traiettoria, ed è qui che andrai a capire il vostro mezzo per farlo “pattinare” mentre premete l’acceleratore.
Se vedi che stai andando fuori puoi togliere un po’ di gas, ma non toglierlo tutto.

Togliendo leggermente gas l’auto tenderà a chiudere il muso recuperando e facendo meglio la curva.
Se togli tutto il gas immediatamente rischi di girarti perchè il peso dell’auto si sposta davanti, il retro si alleggerisce e perde aderenza.
Ma imparerai a capire il comportamento del vostro mezzo gradualmente e ti piacerà.

Mai guardare le vie di fuga, perché al 90% è li che finirai se lo fai, lo sguardo va sempre dove vuoi andare, in pista il punto è oltre la curva, non devi preoccuparti dell’asfalto rovinato o di imprevisti tipici della guida su strada, guarda lontano.

Sicurezza, non STRAFARE

Dimenticati del resto del mondo.

Non è una gara, se non con te stesso, sposta gradualmente i tuoi limiti.
Capiterà molte volte di essere superati, e di voler seguire ad ogni costo chi ti sta davanti, i casi sono due:

  • quello davanti è più esperto di te e quindi per la foga di stargli dietro fate l’errore.
  • quello davanti ha il tuo ritmo, quindi è un neofita come te (non mi è mai capitato di vedere un neofita girare subito al meglio): entrambi vi potreste incasinare e commettere qualche sciocchezza.

Se segui il TUO obbiettivo di divertimento uscirai con un sorriso stampato in faccia che ti rimarrà per tanto tempo!

SICUREZZA AUTO e PREPARAZIONE:

Abbiamo detto che l’auto stradale che guidiamo tutti i giorni non è progettata per la pista: i freni, l’impianto di raffreddamento ed i pneumatici si trovano sottoposti a temperature di gran lunga superiori al normale.
Consigliamo di fare sempre 1 giro di raffreddamento dopo qualche giro tirato, per raffreddamento.

Verifica lo stato della vettura ancora prima di entrare in pista, assicurandoti che l’auto sia in ordine, con i livelli a posto, il tagliando effettuato, i pneumatici in buono stato e gonfiati alla corretta pressione (anche se in realtà andrebbero gonfiati a pressioni diverse, ma qui parliamo di una prima esperienza e non saremmo troppo fiscali)

GOMME E PRESSIONE

Alcuni consigli:

  • auto con spalla bassa: stare mediamente su 2.2 bar, saliranno scaldandosi anche a 2.5-2.8 bar.
  • auto con spalla alta: si può tranquillamente mantenere quanto dice il costruttore, mediamente 2.4 è una pressione adeguata come partenza.

ABBIGLIAMENTO

L’abbigliamento fondamentale è certamente il casco, basta il casco aperto che usate con lo scooter.

Non servono nemmeno tute ignifughe, scarpe da corsa o altro (ecco, magari evitiamo i tacchi e gli scarponi da montagna…).

Consiglierei giusto un paio di leggeri guanti per una presa più ferma sul volante, ma nemmeno questi sono così indispensabili per un Track Day.

Bandiere principali

Pericolo

La bandiera Gialla indica un pericolo nelle curve successive, se tenuta ferma il pericolo è lieve (attenzione), se sventolata il pericolo è grave (attenzione, rallentate) in entrambi i casi è vietato sorpassare.


Via Libera

La bandiera verde segnala la fine del pericolo o via libera.

 


Pista Scivolosa

La bandiera Gialla a strisce Rosse segnala pista scivolosa, (olio, sabbia, sassi, filler, Pioggia).

 


Gara Interrotta

La bandiera Rossa indica l’interruzione del turno, di solito esposta per un incidente grave, terminate il giro a velocità ridotta senza sorpassare e rientrate ai box.


Veicolo in Pista

La bandiera Bianca segnala la presenza di un veicolo in pista (ambulanza, veicolo di servizio).


Doppiaggio

La bandiera Blu viene sventolata ai doppiati, se fissa state per essere doppiati, se sventolata il doppiaggio è in atto. Mantenete la vostra traiettoria, non fate manovre brusche e non rallentate improvvisamente, chi sta dietro sa cosa fare.


Rientro ai Box

La bandiera Nera segnala comportamento in pista scorretto, se viene esposta dovete rientrare immediatamente ai box.

Se ha un cerchio arancio vuol dire che il tuo mezzo ha un problema meccanico.

Se è bianco e nera (non a scacchi) indica che hai avuto un avvertimento per comportamento scorretto e potresti essere fatto rientrare.


Fine Turno

La bandiera a Scacchi indica la fine del turno, completate il giro e rientrate ai box.

 

E con questo… ti aspetto con tanta voglia di un divertimento sano.

Come tanti uno spot: NON CORRERE IN STRADA! FALLO IN PISTA!

Ecco quindi alcuni video interessanti:

FRANCIACORTA: impariamo la pista.

Alcuni video dove si spiega la guida sportiva, Grazie Omniauto 😉

Posizione di guida:

Le traiettorie:

Accelerazione e sottosterzo/sovrasterzo: